http://www.studiodellunto.eu/wp-content/themes/fullscreen
altro

Rightbox

27 Novembre 2019

Ordine di demolizione: non si prescrive in 10 anni e il condono non lo sospende (Corte di cassazione sezione III penale – sentenze 20 novembre 2019 nn. 47102 e 47105)

Bis di sentenze sull’ordine di demolizione. Con la decisione n. 47105/19 i Supremi giudici hanno respinto la domanda dell’appellante secondo cui poiché erano trascorsi 10 dall’ordine di demolizione questo doveva considerarsi prescritto ai sensi dell’art. 173 c.p..

Con la prima sentenza, i Supremi giudici hanno precisato che l’istituto ha natura amministrativa a carattere ripristinatorio del bene violato, imposto per ragioni di tutela del territorio e con carattere reale, come tale privo di finalità punitive (presenti invece nella sanzione penale che per l’appunto si prescrive in 10 anni.

La seconda sentenza n. 47102/19, dispone, invece, sulla relazione demolizione e sanatoria con particolare riguardo all’ultimazione dei lavori per il condono. Il giudice dell’esecuzione penale ha il potere-dovere di verificare la legittimità e l’efficacia dell’atto amministrativo, sia sotto il profilo del rispetto dei presupposti limiti temporale e volumetrico che dei requisiti di forma e di sostanza richiesti dalla legge per il corretto esercizio del potere di rilascio.

Conclude la sentenza che sia da escludere, pertanto, che ai fini della revoca o sospensione di demolizione delle opere abusive il rilascio del provvedimento comporti l’automatica esclusione dell’ordine di demolizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *