http://www.studiodellunto.eu/wp-content/themes/fullscreen
altro

Rightbox

9 Dicembre 2020

DPCM 3 dicembre 2020

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM del 3 dicembre 2020 ci racconta come sarà il natale degli italiani impegnati a fronteggiare la pandemia da Covid-19.

Di seguito riportiamo alcune delle novità:

  • Dal 21 dicembre al 6 gennaio è vietato spostarsi tra le regioni, qualsiasi sia la fascia di rischio e quindi il colore. Rimane la possibilità di muoversi per le “comprovate esigenze”. Secondo il Dpcm è comunque “consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione”. Vuol dire che chi si trova in una regione diversa da quella dove abita, dove è domiciliato o dove vive la sua famiglia può tornare anche in questo periodo e poi può fare ritorno nella regione dove lavora o studia.
  • Chi si trova in una fascia gialla può sempre uscire dal proprio comune di residenza o domicilio. Chi si trova in una regione in fascia rossa non può uscire dalla propria abitazione se non per “comprovate esigenze” legate alla salute, al lavoro e alle urgenze. Il 25-26 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021 sarà vietato uscire dal proprio comune di residenza. Per farlo si deve dimostrare di avere “comprovate esigenze”. Chi esce prima di queste date può fare ritorno nella propria residenza, abitazione o domicilio.
  • Chi vive in una regione che si trova in fascia gialla e vuole trasferirsi nella seconda casa può farlo fino al 20 dicembre. Dal 21 dicembre al 6 gennaio 2021 è infatti espressamente vietato «lo spostamento nelle seconde case» anche se si trovano in un’altra regione in fascia gialla. È però sempre consentito il ritorno presso la propria residenza, abitazione o domicilio. Dunque anche in questo periodo si può rientrare. Chi vive in una regione in fascia arancione non può invece trasferirsi nella seconda casa perché è vietato il trasferimento da un comune all’altro. È sempre consentito andare nelle seconde case se ci sono motivi di urgenza (quali crolli, rottura di impianti idraulici e simili, effrazioni, ecc.) che però devono essere giustificati con il modulo di autocertificazione. La permanenza deve però essere limitata “secondo tempistiche e modalità strettamente funzionali a sopperire a tali situazioni”.
  • Il Dpcm impone la chiusura degli impianti da sci. Rimangono aperti soltanto «per gli atleti professionisti e non professionisti riconosciuti dal Coni» oppure per gli allenamenti “finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali o lo svolgimento delle gare”. Il divieto è stato imposto per «evitare le vacanze in montagna e gli assembramenti nel periodo delle festività». Gli impianti potranno riaprire a partire dal 7 gennaio 2021 ma le Regioni e le Province autonome dovranno adottare «le linee guida validate dal Comitato tecnico-scientifico”. In particolare il protocollo prevede l’uso delle funivie al 50% con obbligo di mascherina a bordo, il distanziamento in fila nell’attesa di prendere gli impianti. E per limitare il numero massimo di presenze giornaliere “l’introduzione di un tetto massimo di skipass giornalieri vendibili, determinato in base alle caratteristiche del comprensorio”.
  • La sera del 31 dicembre si dovrà tornare nella propria abitazione alle 22 e il coprifuoco durerà fino alle 7 del 1° gennaio 2021. Il 1° gennaio non si potrà uscire dal proprio comune. Chi vive in una regione gialla e vuole andare in un altro comune dovrà farlo prima e il rientro a casa è sempre consentito. I ristoranti saranno aperti a pranzo. È confermato il divieto di organizzare feste nei locali pubblici e nei luoghi privati. Chi trascorrere la notte del 31 dicembre in albergo non potrà cenare a ristorante, sarà consentita soltanto la consumazione in camera. La raccomandazione per chi sta a casa è di non invitare persone non conviventi. E comunque di proteggere le persone anziane e con fragilità, anche utilizzando distanziamento e mascherine quando non si sta a tavola. Non è vietato l’uso dei botti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *